Caorle

Caorle, si trova nel Nord Adriatico, a metà percorso tra Venezia e Trieste, conta una popolazione di circa undicimila abitanti. Il territorio si estende per circa 400 Kmq, in gran parte costituito da terreno agricolo e laguna. Grazie a queste caratteristiche si ha una notevole produzione agricola: coltivazione di mais, frutteti e viti. Nella parte lagunare è sviluppata l’attività di pesca. Il centro abitato si estende per circa 6 km di costa. Confina a Sud e Sud-Est con il Mare Adriatico. Il resto, è circondato da fiumi, canali e laguna.

L’architettura di Caorle è costituita dal centro storico, caratterizzato da calette e campielli in stile veneziano. Da segnalare il Duomo ed il Campanile, originale e unico per la sua forma. Caorle, oltre che nell’architettura, conserva la sua storicità nel museo cittadino con notevoli e preziosi reperti archeologici rinvenuti nel sotto suolo ed in mare. La città è disposta in due direzioni, verso Levante e Ponente. A levante si estende un lungo viale che costeggia il mare, subito gli Alberghi ed altre strutture abitative. Nel Litorale di Ponente, fronte mare, un viale pedonale con alberghi, e il resto delle abitazioni. L’architettura assume le stesse caratteristiche della zona di Levante. A Nord-Ovest di Caorle da qualche anno è stato realizzato il Porto Turistico che consente l’approdo di centinaia di imbarcazioni di varia stazza.

Caorle, dispone d’importanti strutture sportive: lo stadio di calcio, il Palazzo dello sport, campi da tennis, campi da golf e piscine. Le strutture ricettive per i turisti sono: gli alberghi, i ristoranti, i campeggi, non manca la possibilità di essere ospitati in un centro di agriturismo. La laguna riserva un’interessante itinerario alternativo per gli ospiti di Caorle. La possibilità di fare delle escursioni in motonave o piccole imbarcazioni,nella Laguna,consente di scoprire la ricchezza di questo ambiente. Si possono visitare i casoni dei pescatori, conservati ancora in modo tradizionale, con gli attrezzi da pesca.

Cosa vedere…

SCOGLIERA 389Scogliera viva
Un delfino, un cavalluccio marino, un coccodrillo, un sole, un campanile, un marinaio, una sirena, un uomo che urla… Sono le creature fantastiche che prendono forma alla Scogliera Viva di Caorle, davanti al Santuario Madonna dell’Angelo, conosciuta popolarmente come Madonnina dell’Angelo. Dal 1993, scultori di tutto il mondo vengono ogni due anni per lasciare un’opera a cielo aperto.

 

IMG_0317r_800Porto di Caorle
Rimasto immutato nel passare del tempo, il Porto peschereccio di Caorle è uno dei posti più caratteristici della cittadina marittima. Il porto ospita una cinquantina di barche che partono all’alba e rientrano nel pomeriggio. Si respira da queste parti una atmosfera serena e subito si capisce il forte legame di Caorle con la pesca e il mare. Di giorno è facile trovare qualche pescatore sistemando le reti, lavando la barca, oppure vendendo pesce. Una foto con le barche riflettendo i suoi colori vivaci nell’acqua non dovrebbe mancare nel diario di viaggio.

IMG_1734r_800Madonnina del mare
“Nella spaventosa inondazione del 31 dicembre 1727 l’acqua é salita fino a questa crocetta (alta 1,60 cm) senza che una goccia entrasse nel santuario”. La frase si legge all’entrata del Santuario della Madonna dell’Angelo, per i caorlotti, Madonnina del madre. La gente di Caorle é molto legata a la sua chiesetta che sembra galleggiare sul mare. All’intero c’è un dipinto che racconta la tradizione della Madonna: cinque pescatori trovarono una statua e con l’aiuto delle loro reti la portarono verso la spiaggia. La chiamarono Madonnina del mare.

IMG_5618r_800Duomo e campanili
Il Duomo di Caorle è uno degli edifici più importanti e pieni di storia della piccola città. Costruito nel 1038 sopra le rovine di una basilica paleocristiana, fu per anni cattedrale, fino al 1819. Ricordiamo che i primi cristiani della zona pregavano proprio qui. Questo dovuto alla trasmigrazione degli abitanti di Concordia Sagittaria con destinazione Caorle, scappando all’invasione barbarica alla fine dell’Impero Romano. Davanti al Duomo, si afaccia il maestoso campanile di forma cilindrica, alto 44 metri e da secoli, simbolo di Caorle.

IMG_4000r_800I casoni
Visitare i casoni di Caorle é una occasione unica per fare un viaggio nel tempo e nel silenzio de la laguna. Merita di fare una bella passeggiata fino all’isola dei pescatori. Qui si trovano alcuni meravigliosi esemplari, grandi e piccoli. I casoni sono la tipica abitazione dei pescatori che insieme alla famiglia scappavano dalla guerra e si rifugiavano da queste parti. Un grande fuoco centrale scaldava i bambini nelle fredde notti invernali, mentre i padroni di casa pescavano nella laguna. Oggi è possibile visitarli e ascoltare le storie dei vecchi lupi di mare caorlotti.

IMG_3702_800Affreschi
Nel porticato esterno a ridosso della mura di cinta della canonica del Duomo di Caorle ci sono alcuni affreschi rimasti della antica chiesa di San Rocco, costruita dopo la devastante epidemia di 1866. San Rocco, santo protettore della peste, oggi potrebbe essere il protettore degli sposi. Questo storico posto è uno degli innamorati che prima si fotografano davanti agli affreschi, pero dopo giurare amarsi nel bene e nel male nella parrocchia del Duomo o il Santuario della Madonna dell’Angelo.

IMG_0002r_800Escursioni
Di seguito un elenco delle principali attività che è possibile fare arrivati a Caorle. Potete richiederci direttamente informazioni, saremo lieti di potervi offrire tutto il supporto necessario per trascorrere al meglio la vostra vacanza.

 

IMG_5949_800Escursioni in Laguna

Escursioni magiche nella laguna di Caorle. Possibilità di escursione in motonave (Motonave Arcobaleno) oppure con l’imbarcazione tipica, il Bragozzo “Serenissima”, con partenza da Caorle.

 

2011_02_2_16_34_14Strada dei Vini

La Provincia di Venezia ha un “cuore” legato al vino e ai prodotti tipici: l’area D.O.C. Lison Pramaggiore. A due passi dalla caratteristica città di Portogruaro, a pochissimi chilometri da Porto Santa Margherita, s’incontra una terra produttrice di vini apprezzati dai Dogi e che ha dato vita alla Strada dei Vini per invitarvi a conoscerla e visitarla. Maggiori informazioni : Strada dei vini.

 

brussaValle Vecchia

Visita guidata al MAV (Museo Ambientale diValleVecchia), museo allestito in un ex-essicatoio recuperato con un pregevole restuaro. Escursioni guidate in Bicicletta.

 

cicloturismoItinerari Ciclabili

Itinerari ciclabili alla scoperta delle risorse naturali che Duna Verde e le località vicine, come Caorle e Porto Santa Margherita, possono offrire. Percorsi per i principianti e per i più allenati.

 

8b66c3e0-e6f0-4193-9d93-b5784338d34cVisitare Venezia

Venezia è facilmente raggiungibile sia con i mezzi pubblici che con la propria autovettura. Da Duna Verde potete raggiungere Punta Sabbioni in 15 minuti, parcheggiare comodamente e da lì prendere la motonave che vi porterà direttamente in pieno centro a Venezia: a Piazza San Marco. Naturalmente se preferite potete anche raggiungere Punta Sabbioni in autobus, sono due zone molto ben collegate sia di notte che di giorno.